Vita da cavie

Link al forum
Titolo originale: Hatsuka Nezumi No Jikan
Autore: Kei Tome
Anno: 2004
Edizione originale: Kodansha
Edizione locale: Star Comics
Trama: Tratto da MangaDB

All'istituto privato Soryo la vita scorre tranquilla. I suoi studenti sono tutti giovani di prima categoria, scelti ed istruiti per diventare la nuova classe dirigente del futuro Giappone. Proprio per questo, data la grande responsabilità che pesa sull'istituto, la vita è decisamente severa: i ragazzi vengono allontanati e privati del contatto con le famiglie a partire dalla più tenera età; la scusa è completamente isolata dal mondo esterno al punto che i ragazzi sono costretti ad un ciclo di inserimento dopo la fine degli studi. Infine, tutti gli studenti sono invitati a consumare certi medicinali atti a migliorare le loro condizioni fisiche e mentali.
Tutto normale, dunque.

La storia inizia con uno scossone all'interno dell'istituto, ovvero l'arrivo di una nuova studentessa. Solitamente la scuola ammette solo bambini piccoli, quindi il fatto di vedere una faccia nuova sconvolge un po' tutti. Il più colpito di vedere Kiriko, questo il suo nome, è Maki Takano, l'unico ad avere una vaga sensazione di aver già conosciuto la strana ragazza. Quando i due riescono a parlare, la ragazza gli rivela tutto il marcio della scuola.
Si tratta, secondo il racconto, di un istituto fittizio gestito da un'industria farmaceutica per testare nuovi farmaci su cavie umane. Gran parte dei problemi di salute degli studenti verrebbero infatti dai farmaci che prendono per curarsi. La ragazza riuscì a scappare anni prima ed a vivere per diversi anni nel mondo esterno, prima di venir nuovamente catturata.
Sebbene Takano inizialmente non creda ad una parola di quanto dettogli, il tarlo del dubbio è ormai nella sua testa, ed ogni strano particolare diventa un dettaglio rivelatorio, al punto che decide di rivelare tutto ai suoi compagni più intimi. Intanto Kiriko, dopo un nuovo tentativo di fuga, viene catturata ed imbottita di psicofarmaci per dimenticare le sue esperienze al di fuori della scuola, compreso Nagi, l'uomo che si è preso cura di lei e che senz'altro avrà un ruolo in tutta la faccenda.
Cosa potranno fare adesso un gruppo di studenti malaticci, imbottiti di medicinali e privi di qualsiasi esperienza di vita per sfuggire al controllo di un istituto che li utilizza peggio di bestie da pascolo?

Vita Da Cavie è un fumetto difficilmente inquadrabile, una sorta di psico-thriller dove impotenti protagonisti cercano di gestire al meglio una situazione di pericolo costante ma non immediato. Per loro è impossibile, o impensabile, fuggire e comunque non avrebbero possibilità nel mondo comune. Inoltre, tutte le loro idee si basano in gran parte su supposizioni, per cui non sono nemmeno certi (sebbene l'autore in certi casi sembra davvero TROPPO esplicito) che il racconto di Kiriko sia vero.
In più, da subito ci viene presentato Nagi, l'uomo che ha allevato Kiriko e che vive nel mondo esterno una vita abbastanza complessa. Il suo ruolo sarà senz'altro importante, anche se è decisamente poco chiaro quello che potrà fare.
Probabilmente la storia sarà un crescendo continuo che passerà da una fase iniziale di analisi-investigazione della situazione ad una parte più movimentata, in cui i protagonisti dovranno agire in base a quello che sono riusciti a scoprire.
da DDT, 02/01/2017
da DDT, 02/01/2017
da DDT, 02/01/2017
da DDT, 02/01/2017